The Passenger

L’abbonamento a The Passenger di Iperborea, la collana per esploratori del mondo. In esclusiva su Romanzi.it.

Abbonamento The Passenger Corea
logo the passenger

Un anno insieme

  • Ricevi 5 titoli consecutivi della collana. Nessun rinnovo automatico.
  • In omaggio col primo numero la sacca The Passenger.
  • La comodità di riceverlo a casa appena esce.
  • Spese di spedizione in Italia sempre gratuite.

110,00

Pari al prezzo di copertina di € 22 per 5 titoli

Sei una libreria? Vuoi promuovere questo prodotto? Iscriviti qui

Come funziona l’abbonamento?

Acquista l’abbonamento a The Passenger con il metodo di pagamento che preferisci.

Entro pochi giorni ti spediamo l’ultimo numero della collana e un gadget esclusivo in omaggio.

Ricevi a casa le successive 4 uscite (per un totale di 5 numeri) appena pubblicate!

Il tuo abbonamento non si  rinnova in automatico: fra un anno decidi tu se rifarlo o meno.

Cos’è The Passenger?

Un libro-magazine per esploratori del mondo!

logo iperborea h185

The Passenger è un progetto di Iperborea

The Passenger è una raccolta di inchieste, reportage letterari e saggi narrativi che formano il ritratto della vita contemporanea di un luogo e dei suoi abitanti.

Cultura, economia, politica, costume e curiosità visti attraverso la testimonianza di scrittori, giornalisti ed esperti locali e internazionali. Tante storie e diverse voci che compongono un racconto sfaccettato ed eclettico, per scoprire, capire, approfondire, lasciarsi ispirare.

Piano editoriale

Box the passenger

The Passenger esce cinque volte l’anno, all’incirca ogni 2/3 mesi.
Ogni titolo viene svelato un mese prima della pubblicazione.

Le prossime uscite previste saranno:
APRILE 2024
GIUGNO 2024
SETTEMBRE 2024
NOVEMBRE 2024
FEBBRAIO 2025

Questo sarà il primo numero che riceverai col tuo abbonamento, se ti abboni entro aprile 2024!

The Passenger Corea

Corea

Mai nella sua storia la Corea del Sud ha avuto tanto successo sulla scena mondiale, e mai dall’inizio dell’era democratica la sua società è stata così polarizzata. Il divario tra l’immagine patinata e innovativa che il paese dà di sé all’esterno grazie ai suoi prodotti più esportati, dai semiconduttori al k-pop, e quella che è la vita quotidiana per milioni di coreani assediati da pressioni familiari e sociali, aspettative collettive, standard estetici, affitti esorbitanti e lavori precari, sembra a tratti incolmabile. Così come appare inconciliabile la differenza con cui le due tribù politiche in cui si divide il paese interpretano la storia: da una parte la battaglia contro il comunismo, che è il credo dei conservatori pro americani, dall’altra la lotta contro la dittatura di cui sono eredi i democratici, aperti al dialogo con Pyongyang e ferocemente antigiapponesi. È anche la folle velocità con cui si è trasformato il paese, tra i più poveri al mondo settant’anni fa, a provocare fratture in una società etnicamente quasi omogenea, votata alla cultura del ppalli ppalli, «in fretta in fretta», ma lenta ad adattarsi a una tale «modernità compressa». Ne pagano il prezzo i giovani, soprattutto le donne: molte hanno deciso che non sono più tenute a comportarsi come vorrebbero i loro padri e mariti, esacerbando il problema forse più complesso che la Corea deve affrontare, il crollo del tasso di fertilità. L’incapacità del governo, nonostante innumerevoli tentativi, di invertire questa tendenza intacca la dimensione quasi epica che lo stato coreano assume in certe narrazioni, di demiurgo che crea la nazione con i suoi piani quinquennali e la sacra alleanza con i chaebol a trasformare quei piani in prodotti esportabili sempre più sofisticati. Anche l’ondata di soft power coreano che ha travolto il mondo viene spesso raccontata attraverso le politiche commerciali di un governo lungimirante. Il rischio è di dimenticarsi del fattore più importante della trasformazione della Corea del Sud, e cioè il lavoro, il sacrificio, la creatività, la capacità di innovare e la volontà di una popolazione orgogliosa, mai soddisfatta, mai appagata, sempre pronta a scendere in piazza per cambiare le cose – governi, sistemi economici, discriminazioni – e dare al paese una direzione nuova.


Pagine: 192

ISBN: 9788870918168

Prezzo: 22,00 €

Uscita: febbraio 2024

Fotografie: Jun Michael Park

Autori: Choi Young, Jiyoung, Felix Lill, Juliette Morillot, Giulia Pompili, Shin Kyung-sook, Élisa Shua Dusapin, Andrés Felipe Solano, Anna Louie Sussman, Yunseong Nam

Collaboratori: Tim Fitts, Cecilia Soojeong Yi, Junko Terao

Illustrazioni: Edoardo Massa

Sommario

Un assaggio di quello che troverai nell’ultimo numero

Società

Perché le donne sudcoreane non fanno figli
— Anna Louie Sussman

Riti e tradizioni

Tra cielo e terra
— Juliette Morillot

Riti e tradizioni

Ascoltare k-pop a Phitsanulok
— Jiyoung

Rapporti di vicinato

Intimi rivali
— Giulia Pompili

Economia

La repubblica di Samsung
— Felix Lill

Confini

Dmz
— Andrés Felipe Solano

(E)sport

Ogni leggenda ha un inizio
— Yunseong Nam

Sport

Un mondo ornato di fiori
— Choi Young

Città/campagna

Le acciughe rosse della mamma
— Shin Kyung-sook

Cultura

Essere o apparire
— Élisa Shua Dusapin

Abbonamento The Passenger Corea
logo the passenger

Un anno insieme

  • Ricevi 5 titoli consecutivi della collana. Nessun rinnovo automatico.
  • In omaggio col primo numero la sacca The Passenger.
  • La comodità di riceverlo a casa appena esce.
  • Spese di spedizione in Italia sempre gratuite.

110,00

Pari al prezzo di copertina di € 22 per 5 titoli

Sei una libreria? Vuoi promuovere questo prodotto? Iscriviti qui

    0
    Carrello
    Il carrello è vuoto
      Calcola le spedizioni
      Applica codice
        Aggiungi all'ordine
        Scrivici su WhatsApp
        1
        Hai dubbi o domande?
        Ciao 👋 Come possiamo aiutarti?